Una toppa (imperfetta) sul buco lasciato dalla corte costituzionale

da Pietro Ichino — 26 ottobre 2017 alle 16:14

I difetti della riforma elettorale sono più di uno; ma è il meglio che in Parlamento si potesse fare con un voto ampio e bi-partisan in questo finale di legislatura per sostituire una legge inapplicabile

.
Primo editoriale telegrafico per la
Nwsl n. 456, 26 ottobre 2017 – In argomento v. anche Chi ha votato “no” alla riforma costituzionale non ha titolo per protestare contro questa riforma elettorale     .
.

Il voto del 26 ottobre in Senato

La prima legge elettorale che abbiamo approvato nel corso di questa legislatura (il c.d. Continua »

Scrivi un commento