Sovranità contro sovranismo

da Left Wing — 4 dicembre 2018 alle 15:00

Conosciamo persone (il barista, lo studente, il fruttivendolo) di pessimo umore per tasse, affitti, lavori ingrati, lavori mancanti, lavori vagheggiati, ma inafferrabili. Carlo Calenda nel suo libro (Orizzonti Selvaggi, Feltrinelli) ne spiega la ragione di fondo: lo sviluppo dei Paesi ex poveri che ha sottratto/sconvolto molti mestieri e molte certezze del ceto medio di casa nostra. È vero che per un lavoro (e un cliente) che perdi oggi un altro ne sorgerà l’indomani. Ma fra l’oggi e il domani c’è, per l’appunto, la nottata del malessere, l’incubo del cadere all’indietro,...

Continua »

Scrivi un commento