Scalza come gitana…

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 23 agosto 2016 alle 20:01

Roccia dei miei sogni

Pensiero che ritorni

Squarci di cielo chiaro

E ruggito di mare

 

Roccia che eri ieri

Di nani e giocolieri

Tra grida, uccelli strani

Erinni del domani

 

Roccia che sei vento

Onda enfia e tormento

Pioggia tra i capelli

Rivoli e gioielli

 

Roccia che sei anima

Isola ribelle

 

Agghindata di stelle

 

Scalza come gitana

 

Anelo altro vagare

Sul tuo soffice calcare

 

E poi… riposare

 

Lasciarmi… dormire

Lasciarmi… sfiorire

Era l’alba ed è l’imbrunire.

Continua »

Scrivi un commento