Rai – Il disastro nel disastro (25) – Quando il sessismo bigotto è l’ultimo dei mali del nostro Servizio Pubblico. E dell’orrore di tipo conradiano sulla Home de “Il Fatto Quotidiano”. Una severa critica.

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 20 marzo 2017 alle 12:40

Due doverose premesse. 1) Dopo il golpe bianco renzista in Italia, e la conseguente occupazione di ogni “attimo” televisivo sui canali del servizio pubblico – una occupazione di tipo così intenso da far impallidire le oscure manovre dell’OVRA mussoliniana – ho letteralmente smesso di guardare i canali RAI. L’ultimo programma che ho visto a spizzichi è stato Sanremo, ma solo perché di tanto in tanto tendo al masochismo e mi piace fare qualche cazzata: che gusto ci sarebbe nel vivere, altrimenti? Ho smesso di guardare la RAI, ma continuo a sovvenzionarla, s’intende! Un male... Continua »

Scrivi un commento