Quello che IL FATTO QUOTIDIANO non dice (26) – Lo “sdegno istantaneo” di Antonello Caporale, o del fantastico mondo delle farloccate semantiche e iperboliche dei giornalisti italiani…

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 28 giugno 2018 alle 17:44

Peccato però che lo sdegno di una intera nazione non sia stato “istantaneo” ma sia durato senza soluzione di continuità per oltre 1000 giorni da quell’infausto febbraio del 2014 celebrato da tutti i giornalisti repubblichini (dobbiamo includere anche Caporale in fase promozione tomo?), e fatto passare come il meglio per una nazione. Quello “sdegno” civile e politico si chiamava renzismo e per quanto potrà fare né Salvini né il suo linguaggio colorito (ottimo per prendere all’amo il giornalismo nostrano fatto esistere dagli intellettuali raffinati di cui sappiamo) potranno... Continua »

Scrivi un commento