Omaggio. In morte di Claudio Lolli – Aspettando Godot

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 17 agosto 2018 alle 18:35

Mamma mia che straordinaria poesia: bravissimo! R.I.P. Vivo tutti i miei giorni aspettando Godot, dormo tutte le notti aspettando Godot. Ho passato la vita ad aspettare Godot. Nacqui un giorno di marzo o d’aprile non so, mia madre che mi allatta è un ricordo che ho, ma credo che già in quel giorno però invece di poppare io aspettassi Godot. Nei prati verdi della mia infanzia, nei luoghi azzurri di cieli e acquiloni, nei giorni sereni che non rivedrò io stavo già aspettando Godot. L’adolescenza mi strappò di là, e mi portò ad un tavolo grigio, dove fra tanti libri però, invece... Continua »

Scrivi un commento