Ognibene alla corte di Claudio Augusto

da Leonardo — 5 agosto 2015 alle 11:34

...portentum eum hominis... nec absolutum a natura, sed tantum incohatum.
Ogni uomo si sente capace di giudicare la propria epoca, come se fosse possibile tenersene alla giusta distanza: come se fosse possibile rifiutarla per sostituirla con un'altra qualsiasi.
Ognibene, che è stato in tante epoche, e di tutte conserva il ricordo, lui sì potrebbe prendersi la responsabilità di dare giudizi e di preferirne una all'altra: ed invece più d'ogni altro il nostro eroe sembra trovarsi in difficoltà. Continua »

Leonardo T

Scrivi un commento