La resa di Carrie Lam a Hong Kong

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 7 settembre 2019 alle 10:34

di Michele Marsonet. Giunge inattesa la notizia che Carrie Lam, governatrice di Hong Kong e fiduciaria di Pechino in loco, ha infine ceduto ai dimostranti, ritirando ufficialmente la famigerata legge sull’estradizione che aveva scatenato proteste divenute sempre più violente con il trascorrere delle settimane. Detta legge, com’è noto, avrebbe consentito di estradare nella Repubblica Popolare gli abitanti della ex colonia britannica autori di reati. E il problema è che i reati “politici” sembravano inclusi, consentendo così la deportazione dei cittadini della città-isola che... Continua »

Scrivi un commento