L’India e le donne musulmane

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 23 gennaio 2020 alle 6:32

di Michele Marsonet. Le ultime elezioni, con la grande vittoria del premier rieletto Narendra Modi, hanno confermato in India lo strapotere dei nazionalisti indù. I risultati elettorali hanno spinto Modi e la coalizione che lo sostiene ad emanare una legge assai controversa, la quale prevede che possano ottenere la cittadinanza i rifugiati di sei confessioni religiose provenienti dai tre Paesi confinanti, Pakistan, Afghanistan e Bangladesh, ad eccezione dei musulmani. Com’era lecito attendersi la legge ha scatenato polemiche molto aspre a livello internazionale. E’ importante,... Continua »

Scrivi un commento