Filosofia dell’anima – Dell’epifania collettiva nella fragilità di Angela

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 19 giugno 2019 alle 13:16

Non sono mai stata troppo interessata alla figura del politico Angela Merkel. Certo, l’ho sempre considerata una donna in gamba, una tipologia di rappresentante che sarebbe servita anche in Italia, ma nulla più. La mia indifferenza potrebbe essere anche dovuta al fatto che conosco molto bene la deleteria storia recente della Germania e mi sono sempre chiesta dove fossero finiti i ragazzi educati dai criminali Hitler e Himmler, cosa stessero facendo i figli dei figli di quei ragazzi. Come riuscissero a cavarsela per le strade del mondo malgrado il “carico” portato sulle spalle.... Continua »

Scrivi un commento