Filosofia dell’anima – Cacciatori di nazisti. I casi Reinhard Heydrich e Albert Speer

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 15 aprile 2018 alle 15:07

  A volte penso che in alcune situazioni a salvarci sia la nostra ignoranza, almeno fino al momento in cui non si decide di curarla: un paradosso! Da tempo tento come posso di saperne di più sui drammatici avvenimenti della seconda guerra mondiale, e sicuramente ho una conoscenza degli stessi above-average. Tuttavia, non mi ero mai presa la briga di guardare con altri occhi – oltre quelli provvisti dal regime scolastico et universitario, s’intende – a ciò che è accaduto immediatamente dopo la morte di Hitler il 30 aprile del 1945 e la successiva capitolazione tedesca nel maggio... Continua »

Scrivi un commento