Fermiamo il bullismo marinaresco di Salvini

da Left Wing — 26 giugno 2019 alle 10:07

La decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo di respingere il ricorso con cui la Sea-Watch chiedeva di poter sbarcare in un porto italiano le quarantadue persone imprigionate a bordo da dodici giorni non è una decisione nel merito. La Corte – che non è un organismo dell’Unione europea, ma del Consiglio d’Europa, un’organizzazione internazionale diversa dalla Ue, di cui fanno parte anche stati come Russia, Ucraina, Turchia, e che decide sul rispetto dei diritti contenuti nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo – era chiamata a valutare la concessione di una...

Continua »

Scrivi un commento