E se poi

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 11 settembre 2017 alle 1:51

E se poi E se poi tutto questo bianco intorno mi avvolgesse in un metro cubo d’aria finirei per berlo dalle mani senza inutili attese, o circostanze che il letargo adiacente non promette. La gelida asfissia che dilata i dettagli, non è dimenticanza di ogni neo sospetto e nel lento giro di fumo dell’ultima cicca si ammanta la visione del ritorno. Febbraio 2012 Tratta da: Continua »

Scrivi un commento