È primavera: governo dittatore e ladro? Sulla sospensione dei diritti civili e del patto di stabilità, o di quando il gatto non c’è e i topi ballano.

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 21 marzo 2020 alle 1:38

D’accordo il Coronavirus, d’accordo la paura che attanaglia l’Italia e il mondo, d’accordo la confusione che regna sovrana, d’accordo i ciliegi in fiore (in Giappone e Cina), d’accordo gli uccellini che nidificano e cagano sulla nostra testa, d’accordo ogni altro “umore” primaverile, ma sulla sospensione del patto di stabilità europeo bisognerebbe andarci molto cauti se non si vuole che questa drammatica crisi sanitaria venga pagata dalle generazioni future all’infinito soprattutto in termini economici. Dico la verità e la dico non sapendo bene se in Italia abbiano... Continua »

Scrivi un commento