E furono davvero lacrime amare.

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 9 dicembre 2015 alle 18:56

Giovanni Pascoli

di Rita Sanna. Mai più io scorderò quel foglio bianco che mi era comparso sul banco il giorno dell’esame di Maturità di molti anni fa.

Schierati uno dietro l’altro in quel lungo corridoi della scuola,

con le porte delle aule e le finestre ,che si affacciavano ad esso,sigillate

con scientifica precisione da larghi nastri di scotch,attendevamo l’arrivo del plico

contenente i temi della prima prova scritta d’Italiano.

Facce smunte con l’espressione da zombi… Continua »

Scrivi un commento