Doppo er fattaccio de San Lorenzo

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 25 ottobre 2018 alle 14:56

di Renato Pierri “Ma tu, Signore, scusa si me permetto, c’hai l’occhi mprosciuttati? Nun vedi le infamie e i guai che succedeno ner monno?” “E che ce posso fa’ fijo mio bello? A l’omo ch’ho dato la libbertà. Pò fa er bene e pò far er male, che nun ce lo sapevi?” “Scusa, scusa, Signore, si me permetto ancora, ma nun ce potevi dà la libbertà de fa’ solo er bene? Hai visto che ber monno t’è sortito fòra co’ la libbertà de fa’ er male?” “E che ce posso fa’ fijo mio bello?” “Come, che ce posso fa’. Ma nun te chiameno er Padr’onnipotente?”... Continua »

Scrivi un commento