Come inquadrare il braccio di ferro Usa-Cina, ultima puntata

da Estremo Occidente — 23 agosto 2019 alle 14:24

Ho sempre scritto che nello scontro tra i due protezionismi americano e cinese, gli Stati Uniti godono della posizione contrattuale più forte. Anzitutto per lo stesso squilibrio commerciale che è all’origine della tensione: un paese che esporta nel suo vicino il quintuplo di quel che importa, è ovviamente più vulnerabile dell’altro ai dazi. Inoltre la capacità di ritorsione “occhio per occhio, dazio per dazio” è limitata dal fatto che la Cina partiva già da livelli di tasse doganali molto più elevate. Il protezionismo lo aveva iniziato lei, senza dirlo.
Questo non significa...

Continua »

rampini_1

Scrivi un commento