Anche Save the Children e Sea Eye sospendono i soccorsi al largo della Libia

da Informare è un dovere — 13 agosto 2017 alle 10:05

La decisione segue quella presa da Medici senza frontiere a causa del comportamento minaccioso della guardia costiera libica nei confronti delle Ong
Credit: Reuters/Darrin Zammit Lupi
Le organizzazioni umanitarie Save the Children e Sea Eye hanno scelto di sospendere le proprie operazioni di soccorso al largo della Libia, dopo che il governo di Tripoli ha deciso di istituire una propria zona di Search and Rescue nel Mediterraneo, un tratto… Continua »

Andrea De Luca

Scrivi un commento