4 marzo 2018, cambiamo l’Italia (6) – Quindicimila persone che volevano fare politica ma i posti erano sempre occupati… Riflessioni.

da ROSEBUD – Arts, Critique, Journalism — 6 gennaio 2018 alle 13:13

Fossimo in un Paese dove gli scrittori fanno gli scrittori perché sono nati con quel dna e non perché fa cool, fossimo in un Paese dove i giornalisti si degnassero di fare il loro difficilissimo lavoro prendendosene la responsabilità sulle spalle, invece di passare il tempo a rispondere al telefonino contattando Tizio, Caio e Sempronio, il dato delle quindicimila persone che, a giudicare dai risultati delle Primarie M5S, volevano “fare politica” ma non hanno mai potuto farla perché gli scranni erano sempre occupati, verrebbe trattato diversamente. Sicuramente verrebbe analizzato in... Continua »

Scrivi un commento